Dizionario di Spazio Bottega

Montaggio

(v. anche Mescolare). Costruzione a posteriori di un’unità di senso (messa in scena,

film), i cui elementi base, singolarmente presi, appaiono non integrati o addirittura del tutto irrelati.

Il montaggio presuppone tuttavia che l’unità di senso (messa in scena, opera video, v.) in vista della

quale si opera l’integrazione degli elementi a disposizione, sia in un certo senso già presente nel

soggetto operante prima dell’operazione di montaggio. Il montaggio cioè è un’operazione a

posteriori che presuppone uno schema a priori. L’immagine interna, per dir così, che sovrintende

aprioristicamente all’operazione di montaggio può inoltre non essere frutto di scelte del tutto

consapevoli, e rivelare il conferimento di senso all’opera montata solo a posteriori, dopo aver cioè

integrato gli elementi che, singolarmente presi, non avevano ancora rivelato tutte le potenzialità di

senso che lo schema a priori non aveva colto coscientemente. Il montaggio dispone, quindi, di uno

schema a priori che, operando anticipatamente un’integrazione di elementi non ancora integrati tra

loro, rivela o può rivelare solo a posteriori un senso non colto consapevolmente (v.

consapevolezza) dallo schema a priori. Tutto ciò comporta che la sostanza percettivo-simbolica del

termine senso, implicato nell’operazione di montaggio, sia di natura molto complicata. (La

complicazione aumenta dovendo considerare l’altro termine che è implicato nel montaggio, cioè

immagine. V. Video, Fare video, anche Schermo. Naturalmente l’immagine ha a che fare anche

con Teatro, v.; v. anche Riguardare). Quando poi, come voleva Artaud, il Teatro tenda a

identificarsi con l’Atto e con il Tempo Presente della Scena, allora il montaggio, nel dispositivo

teatrale, non sarà altro che costruzione (che contemporaneamente anticipa e si adegua a ciò che

accade) di volta in volta diversa di un’esperienza di senso.

Autore

Giuseppe Monterosso

Giuseppe Monterosso

Chi è io.

Maestro di scuola elementare, bellissimo mestiere, pare tra i più belli al mondo, ognuno lo capisce da solo il perché, nato in Sicilia, arrivato a Roma, all’inizio una fatica pazzesca a fare il maestro, anche se lo sai che è un mestiere bellissimo, poi invece, grazie all’incontro con coloro che mi hanno fatto capire che a fare teatro con i bambini puoi perfino provare a fare ancora meglio il maestro, uno ci prova, e un po’ è come se non ti accontentassi mai, perché il teatro con i bambini ti insegna che puoi fare ancora meglio, e così fai il maestro ma stai sempre lì a imparare, e non smetti mai.

Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sui corsi, eventi e tutte le iniziative che riguardano il newtwork di C Reattiva.

2022-11-15T13:12:49+01:00